Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK
Vai al contenuto

Fondazioneconilsud.it

News | Dettagli News

CAIVANO (NA) - 12 Dicembre 2016

Un futuro per il Parco Verde

Caivano_ Un comune a nord di Napoli in cui spaccio e criminalità sono largamente diffuse e dove scarseggiano luoghi ricreativi e di incontro per i grandi, così come aree dedicate dove i bambini possano giocare in sicurezza. Molti giovani passano più tempo per strada che tra le mura di casa, entrando inevitabilmente nei circuiti della criminalità, percorso rispetto al quale le alternative sono ben poche. Una zona divenuta purtroppo famosa per i tanti fatti di cronaca nera e per terribili episodi che vedono vittime proprio i minori.

In questo contesto, dove non solo gli spazi ma soprattutto le persone che li abitano sembrano abbandonate a se stesse, il progetto “Insieme per il Parco Verde” ha permesso di mettere le basi per un cambiamento che a molti sembrava impossibile. L’iniziativa - sostenuta dalla Fondazione CON IL SUD e realizzata dall’Associazione “Un’infanzia da vivere” - ha permesso di trasformare un campetto in erba sintetica in un piccolo centro sportivo, con la costruzione di un altro campo, di recinzioni, di spogliatoi con docce, di un impianto di illuminazione che consente ai ragazzi di giocare anche la sera. Grazie all’impegno degli operatori, alcuni dei quali con un passato difficile alle spalle, ogni giorno 100 bambini e giovani tra i 5 e i 15 anni hanno uno spazio protetto e sicuro dove possono allenarsi e giocare, ma soltanto dopo esser stati a scuola.

Oltre allo sport, il progetto ha permesso di coinvolgere i ragazzi in laboratori d’arte, tinteggiatura (grazie ai quali hanno lavorato alla riqualificazione di alcuni spazi del quartiere), per imparare a fare il pane, disegno, attività di educazione ambientale e alla legalità. Lo scorso anno, inoltre, è nata la cooperativa sociale multiservizi Leonardo, che porta il nome di un giovane del quartiere che ha perso la vita per un incidente. Un altro modo per dare ai giovani un’alternativa alla strada e al crimine, attraverso il lavoro (riqualificazione di spazi, cura del verde pubblico, ecc.).

Opportunità di grande importanza in un luogo come Caivano, che permettono di allontanare i più giovani dalle piazze dello spaccio e della criminalità e di coinvolgerli in attività che consentono loro di crescere insieme, nel rispetto delle regole e con una certezza in più: che nonostante le difficoltà, si può credere e lavorare con impegno e costanza per realizzare i propri sogni.

(Articolo pubblicato sulla newsletter cartacea della Fondazione, disponibile qui>>)

Blog progetto>>

News