Altofest, l’arte vista dai cittadini

NAPOLI - 10 Maggio 2018

Foto di Flaviana Frascogna per il progetto Altofest
Foto di Flaviana Frascogna per il progetto Altofest

Un festival di arte contemporanea che entra, letteralmente, nelle case della gente. Appartamenti, terrazzi,sotterranei, cortili, interi condomini, laboratori artigianali si trasformano in residenze artistiche e ospitano opere di artisti internazionali. Vincitore del bando Funder35 e di numerosi altri premi e riconoscimenti, è un progetto culturale che si innesta nel tessuto socio-urbano che lo ospita.

Altofest – International Contemporary Live Arts è un progetto nato a Napoli nel 2011 con un chiaro slogan: “No ai festival vetrina”. Non coinvolge teatri, musei o gallerie, ma direttamente i cittadini che ospitano gli artisti e le loro opere, aprendo le porte delle proprie case, cortili, negozi.

Ogni anno in diversi quartieri di Napoli, i cittadini offrono in dono ospitalità ad artisti nazionali ed internazionali, i quali alloggiano e lavorano nelle case dei cittadini per un periodo di residenza artistica – ci spiega Camilla Stellato di Altofest.  Al termine della residenza, quelle stesse case accolgono il pubblico durante i giorni di apertura del festival.”

Quella che si crea è una partecipazione attiva all’opera, un’esperienza di scambio tra artista, ospite e spettatore, il quale per la prima volta ha accesso a spazi privati, a scorci della città particolari e altrimenti inaccessibili. Un vero e proprio esempio di riqualificazione umana-urbana. E’ quanto accade ad esempio a Vico Tronari nel Rione Sanità che, con i suoi spazi e i suoi abitanti, è coinvolto da 5 anni in Altofest. Centinaia di spettatori vi giungono durante le giornate del Festival per assistere a performance di danza e teatro, tra le più innovative del panorama internazionale. Nel 2016 un’artista umbra con il progetto Abito ha coinvolto un gran numero di abitanti del quartiere, con un’istallazione tessile partecipativa a cui poteva collaborare chiunque, aggiungendo il proprio “tessuto”, per abbellire gli spazi comuni del vico. Così per 20 giorni Vico Tronari, durante la sesta edizione di Altofest, è diventato un laboratorio e un museo a cielo aperto, accogliendo centinaia di visitatori.

La prospettiva curatoriale alla base del processo di Altofest si fonda su una meticolosa attenzione al rapporto uno ad uno fra artista e cittadino, lasciando che il potenziale generativo di questo incontro possa propagarsi al sistema di relazioni entro cui ciascuno si muove: infiltrarsi attraverso i diversi strati dell’abitare di chi ha partecipato a quella esperienza, fino ad infettare l’uso consueto delle parole – aggiunge Camilla. Ne viene una riqualificazione umana/urbana, generata dalla prossimità e la cura reciproca tra ospite e artista”.

Quest’anno Altofest, alla sua VIII edizione, ha raccolto più di 550 proposte artistiche da tutto il mondo. Inoltre, dal 9 aprile al 13 maggio, si terrà un’edizione speciale a Malta, inserita nella programmazione culturale di Valletta 2018 Capitale Europea della Cultura. Il progetto si è aggiudicato gli EFFE Award – unico italiano fra i 6 premiati -,“distinguendosi per la sua innovativa e coraggiosa formula di apertura e coinvolgimento della città”. Un premio estremamente prestigioso, dedicato ai festival più innovativi a livello artistico, assegnato dall’EFA (European Festival Association) sotto l’egida della Commissione Cultura del Parlamento Europeo. Attualmente Altofest è segnalato dal Cultural and Creative Cities Monitor della Commissione Europea, come indicatore di interesse culturale per la città di Napoli. “I riconoscimenti internazionali sono tanti, a partire dalla fiducia che, da diverse edizioni, molte ambasciate accordano ad Altofest, sostenendo i viaggi degli artisti in programmazione” conclude Camilla.

Un progetto che fino al 2017 è stato completamente auto sostenuto e che oggi, grazie al sostegno di Funder35 – il bando promosso da 17 fondazioni di origine bancaria e dalla Fondazione CON IL SUD – può crescere ancora di più.

Camilla Stellato, organizzazione Altofest

www.teatringestazione.com

Articolo presente nella newsletter cartacea della Fondazione, disponibile qui.

Altre News

MONSERRATO (CA) - 21 Dicembre 2018

La difficoltà di fare cultura

L’esperienza dell’associazione culturale Is Mascareddas è esemplificativa delle difficoltà di chi vuole portare avanti un progetto culturale di respiro sociale e comunitario. Per fortuna, la tenacia non manca, come racconta l'organizzatore Marco Fanari.

ROMA - 19 Dicembre 2018

Un Sud che cambia, con cura

Un racconto fotografico del nostro Sud attraverso istantanee del cambiamento: avvenuto, in corso, sperato.

ROMA - 11 Dicembre 2018

A Natale fai un regalo solidale

Cibo e accessori dal Sud e dal mondo del sociale: abbiamo selezionato per voi alcune idee per i regali di Natale.

ROMA - 3 Dicembre 2018

Brains to South: oltre 40 progetti presentati

I progetti di ricerca sono stati presentati da giovani ricercatori, in ambito medico, tecnologico e ambientale. L’obiettivo del bando è attrarre “cervelli” in centri di ricerca meridionali. A diposizione 4 MLN di euro.

ROMA - 28 Novembre 2018

Housing sociale: selezionati 10 progetti

Dieci progetti per contrastare la povertà abitativa in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. I destinatari saranno accompagnati in percorsi di formazione per il reinserimento sociale ed economico.

CERIGNOLA (FG) - 23 Novembre 2018

Ciascuno cresce solo se sognato

Un bene confiscato nel foggiano diventa laboratorio di legalità. Un terreno che, attraverso coltivazioni etiche, diventa simbolo di liberazione per la comunità e volano di cambiamento economico.

ROMA - 16 Novembre 2018

Posizione aperta

Ricerchiamo 1 addetto “comunicazione e social media” da inserire nell'Area Comunicazione e Relazioni Esterne.

ROMA - 8 Novembre 2018

Il bene torna comune: al vaglio 18 proposte

Conclusa la seconda fase del Bando Storico-Artistico e Culturale. Al vaglio 18 proposte di valorizzazione degli immobili inutilizzati nelle regioni del Sud.

BENEVENTO - 6 Novembre 2018

La casa delle streghe

A Benevento, città delle streghe, un antico palazzo viene valorizzato per ospitare servizi turistici e un museo dedicato al mito delle “Janare”, curatrici depositarie delle più antiche tradizioni delle società agricole.

ROMA - 31 Ottobre 2018

Assistenza telefonica

Il 2/11 chiusura uffici. Il 5 e 9/11 interruzione assistenza telefonica.

Appuntamenti

Visualizza: giorno / mese

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK