Dalla tutela ambientale all’integrazione

CASTEL VOLTURNO (CE) - 23 Dicembre 2014

È partito a Castel Volturno il primo esperimento di “mediazione ambientale”. Saranno gli immigrati presenti nel comune domiziano, infatti, ad informare i cittadini su come fare la raccolta differenziata grazie ad un progetto che ha l'obiettivo di sensibilizzare la popolazione sul conferimento dei rifiuti e di superare la distanza con le comunità di immigrati che vivono sul territorio.

Saranno coinvolti, in particolare, 12 immigrati beneficiari di permesso di soggiorno per protezione internazionale, vittime di sfruttamento lavorativo.

Il progetto si chiama proprio “Rosarno e poi…” ed è sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD e promosso dal Centro Sociale Ex Canapificio, il Consiglio Italiano per i Rifugiati e la Caritas di Caserta.

I 12 immigrati hanno partecipato ad un tirocinio formativo e svolgeranno ora attività di sensibilizzazione in lingua inglese e francese rivolta in modo particolare a quella parte di popolazione proveniente da diverse aree geografiche, spiegando le modalità con cui si svolge la raccolta differenziata e i benefici che ne derivano.

Scheda progetto>>

Altre News

27 Maggio 2020

Su Rai 2 arriva “L’Italia che fa”

Un nuovo programma dedicato alle storie e ai desideri di chi si impegna per gli altri. Dal primo giugno su Rai 2, dal lunedì al venerdì alle 16.10. Conduce Veronica Maya. Nella prima puntata anche una storia dalla Sardegna.

13 Maggio 2020

Lo sport #dopolapaura: il nuovo bando

Il Bando Sport di Fondazione CON IL SUD: 2,3 milioni di euro per progetti da attivare nel 2021 che mettano al centro la pratica sportiva come strumento di inclusione

Appuntamenti

Visualizza: giorno / mese

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK