Il Salento che accoglie

LECCE - 7 maggio 2018

Foto dal ristorante Wote Mezani
Foto dal ristorante Wote Mezani

Un ristorante multiculturale, con personale italiano e straniero, che valorizza la cucina e i prodotti locali e allo stesso tempo offre la possibilità di girare il mondo semplicemente stando seduti a tavola. Una esperienza di impresa sociale nata solo un anno fa che coniuga la ‘salentinità’ con il valore della scoperta dell’altro attraverso il ‘gusto’ del lavoro.

Wote Mezani, ovvero “Buon appetito” in una delle lingue più parlate in Africa, è il nome del progetto sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD e promosso da Arci Lecce con altre associazioni di migranti. Un ristorante di cucina mediterraneo-asiatico-africana e una nuova cooperativa sociale che lo gestisce. Il personale è composto da 3 italiani e 5 stranieri, tutti con il permesso di soggiorno, più altre persone che collaborano in occasione di eventi particolari. “Abbiamo voluto verificare quanto diverse comunità presenti sul territorio potessero interagire con la comunità salentina attraverso un fattore importantissimo come il cibo” ci spiega Anna Caputo di Arci Lecce.

Il ristorante è molto legato al territorio e vuole valorizzare la cucina salentina più autentica, esaltando i prodotti della tradizione contadina e rispettando la stagionalità degli alimenti. Nel menù ci sono sia prodotti locali che prodotti tipici di altre nazioni, a rotazione: Iran, Senegal, Pakistan, in base alle persone che frequentano il ristorante e ci propongono delle ricette. Si è creata così questa commistione tra salentinità e resto del mondo”.

Il progetto è stato avviato solo un anno fa, ma i risultati non si sono fatti attendere e il bilancio è decisamente positivo. “Oltre alla gestione del ristorante abbiamo pubblicato un libro di ricette dal mondo. Inoltre abbiamo creato all’interno del locale uno spazio per la raccolta delle ricette che ci vengono proposte e organizzato anche delle iniziative culturali legate al tema dell’integrazione.”

Un risultato che, secondo la Caputo, non rappresenta un caso isolato nel Salento. “Molte delle persone che arrivano qui dimostrano una grande capacità di inserimento in alcuni settori importanti sul territorio come il settore metallurgico e l’agricoltura. Gli stranieri stanno anche riportando in vita alcuni mestieri che rischiavano di scomparire perché nessuno del posto se ne occupava più, come la costruzione dei famosi muretti a secco del Salento o alcuni piccoli lavori di sartoria, cucito e ricamo.

Molte persone rimangono nel Salento e riescono a lavorare. Qui trovano un ambiente non ostile e questo è molto importante a livello psicologico. Nelle piccole realtà, si riesce ancora ad immaginare qualcosa di differente: il rispetto della persona, soprattutto attraverso il lavoro.

Intervista completa su www.conmagazine.it

Articolo presente nella newsletter cartacea della Fondazione, disponibile qui.

Altre News

LECCE - 7 agosto 2018

31 agosto_Inaugurazione mostra Gonzalo Orquìn

Inaugurazione della mostra di Gonzalo Orquìn "Proximo destino: Roma. Sulle tracce dei pittori spagnoli in Italia". A seguire l’incontro: “Spagnolo o salentino? Il misterioso caso di Jusepe de Ribera detto ‘lo Spagnoletto".

3 agosto 2018

Aggiornamento Social Film Fund Con il Sud

La Commissione del Social Film Fund Con il Sud, presieduta dal regista e sceneggiatore Gennaro Nuziante. prosegue nell’attenta valutazione delle proposte. I risultati saranno pubblicati alla fine di settembre.

ROMA - 2 agosto 2018

Bando Artigianato

Valorizzare le tradizioni artigianali d’eccellenza del Sud a “rischio estinzione”. Il bando scade il 17 ottobre 2018. A disposizione 800 mila euro

PALERMO - 26 luglio 2018

Una sartoria sociale per dare un taglio alla mafia

In un bene confiscato la Cooperativa Sociale Al Revés ha dato vita a una sartoria sociale per “ricucire” il territorio attraverso la crescita umana, sociale e professionale di soggetti svantaggiati

CAGLIARI - 23 luglio 2018

Futuro Exmè

Un ex mercato ed ex luogo di spaccio nella periferia di Cagliari rivive grazie al progetto “Futuro Exmè”, offrendo un futuro migliore a centinaia di ragazzi. 

ROMA - 10 luglio 2018

Una proposta contro la devianza minorile

Forte della sua esperienza sul campo e conti alla mano, la Fondazione CON IL SUD propone un modello di contrasto alla devianza minorile concreto esostenibile: i centri di aggregazione giovanile. 

ROMA - 5 luglio 2018

TERRE COLTE: 9 nuovi progetti

Tre milioni di euro da Fondazione CON IL SUD e Enel Cuore Onlus per rivitalizzare la tradizione agro-pastorale e favorire l’inserimento lavorativo di persone in condizione di disagio.

POLISTENA (RC) - 2 luglio 2018

SAVE THE DATE – CON IL SUD

Il 13 ottobre a Polistena (Rc), l'appuntamento in occasione del dodicesimo compleanno della Fondazione CON IL SUD.

ROMA - 28 giugno 2018

Con i Bambini: approvati 83 progetti

83 progetti approvati con il Bando Nuove Generazioni. 66 milioni di euro per contrastare la povertà educativa minorile nella fascia 5-14 anni.

ROMA - 28 giugno 2018

Il bene torna comune: selezionati 14 immobili

14 immobili inutilizzati da far rinascere al Sud. Fondazione CON IL SUD mette a disposizione 4 milioni di euro per salvarli dall’incuria e restituirli alla collettività.

Appuntamenti

Visualizza: giorno / mese

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK