Mi fido di lei. Le parole di Giovanni Falcone

19 Maggio 2022

Alla presentazione per la stampa estera, una reporter americana chiese a Giovanni Falcone perché tra tutti i giornalisti che ci sono in Italia avesse scelto di scrivere il suo prezioso libro «Cose di Cosa nostra» (pubblicato nell’autunno del ‘91 a pochi mesi dalla sua morte e che diventerà il suo testamento) con una giornalista francese, la corsa Marcelle Padovani. Il magistrato attirando a sé il grosso microfono, rispose: «È quella di cui mi fido di più».

Da qui il titolo del podcast in 5 puntate «Mi fido di lei. Le parole di Giovanni Falcone», che parte dalle, poche, correzioni a margine per raccontare, con la voce ricca di Marcelle Padovani, i 22 memorabili pranzi-intervista durante i quali la giornalista si è immedesimata nel magistrato e ha scritto per lui.

Alessandra Coppola e Luca Lancise hanno ritrovato il dattiloscritto originale del volume – 190 pagine composte durante l’estate del 1991, consegnate da Padovani a Falcone in francese, e da lui annotate a penna, con una grafia piccola e pulita, in italiano corsivo – e ne hanno fatto una serie podcast per ricostruire con le parole stesse di Falcone, la sua capacità di decifrare la mafia, di comprenderla a fondo come uomo e siciliano per poterla lucidamente combattere.

Il podcast, prodotto dal Corriere della Sera in collaborazione con la Fondazione CON IL SUD, arriva fino all’eredità di Falcone per lo Stato e le nuove generazioni, le intuizioni, il rigore, il metodo, la necessità di fare rete, fino all’ultimo strumento di lotta concepito subito dopo la sua morte e sulla scorta dei suoi insegnamenti: il riutilizzo sociale dei beni confiscati ai mafiosi. In particolare, il contributo della Fondazione CON IL SUD è orientato a promuovere una lettura attualizzata dell’eredità che emerge dalle parole di Falcone e Padovani attraverso il racconto delle esperienze avviate sul territorio. La Fondazione, infatti, è impegnata da anni a promuovere la cultura e l’educazione alla legalità tra le nuove generazioni, a sostenere la valorizzazione dei beni confiscati nelle regioni meridionali con progetti che coinvolgono la comunità e le organizzazioni del terzo settore per contribuire in modo partecipato al contrasto del potere mafioso. L’impatto di un bene confiscato valorizzato, infatti, se coinvolge le comunità in iniziative di inclusione e di economia civile va oltre l’aspetto simbolico e diventa una vera occasione di sviluppo locale.

La prima puntata della serie è stata pubblicata a pochi giorni dall’anniversario della strage di Capaci in cui Giovanni Falcone perse la vita con la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.

ASCOLTA LA PRIME PUNTATE DEL PODCAST:

 

 

Tutti gli episodi saranno disponibili sul sito del Corriere della Sera al seguente link >> Mi fido di lei. Le parole di Giovanni Falcone | Il podcast | Podcast Corriere

 

Altre News

23 Giugno 2022

Bando Ager per la rinascita dell’agroalimentare italiano

Pubblicato il bando che concretizza l’impegno delle Fondazioni di origine bancaria associate in Ager per contrastare l’impatto dei cambiamenti climatici e accompagnare le aziende agricole nella transizione verso la sostenibilità.

30 Maggio 2022

Assistenza telefonica

Lunedì 30 maggio ci sarà assistenza telefonica fino alla scadenza del Bando Volontariato 2022.

30 Maggio 2022

Chiusura uffici

Il 2 e 3 giugno, gli uffici resteranno chiusi.

Esperienze con il sud

I blog dei progetti

Visita il sito

Un cuore da scrittrice!

La storia che narriamo in questo articolo è scritta da Giusi Norcia che si occupa del laboratorio di scrittura creativa. È arrivata...

Progetto: LADORO

Appuntamenti

Visualizza: giorno / mese