Verso Rifiuti Zero: 16 progetti al Sud

ROMA - 18 giugno 2013

La Fondazione CON IL SUD, attraverso il Bando “Verso Rifiuti Zero”, ha invitato il terzo settore e il volontariato delle province meridionali più virtuose in tema di produzione dei rifiuti a proporre, in rete con istituzioni pubbliche e private, progetti innovativi e sostenibili nel tempo capaci di abbattere l’impatto ambientale dei rifiuti. In Italia infatti sono 15 milioni le tonnellate di rifiuti urbani che ogni anno finiscono in discarica, ponendo il nostro Paese agli ultimi posti in Europa per la sensibilità ambientale, in termini, ad esempio, di percentuale di produzione, raccolta, riciclo, riuso dei rifiuti .

Al termine del percorso di valutazione, di oltre 60 proposte ricevute, sono stati individuati 16 “progetti esemplari”, finanziati complessivamente con oltre 2 milioni di euro, che saranno avviati in otto province del Sud Italia: Potenza, Cosenza, Avellino, Benevento, Foggia, Lecce, Nuoro ed Enna.

I progetti coinvolgono complessivamente circa 90 organizzazioni, 50% delle quali rappresentate da soggetti non profit (associazioni, cooperative, consorzi, ecc) 30% da enti pubblici (scuole, parchi, comuni, ecc.) e 20% da imprese, centrando uno degli obiettivi del Bando, ovvero stimolare partenariati eterogenei aperti a privati e amministrazioni locali, come condizione fondamentale per raggiungere un cambiamento nelle pratiche e nelle politiche dei territori coinvolti.

Il Bando – scaduto lo scorso marzo – rientra nell’ambito della linea di intervento “Cura e valorizzazione dei beni comuni” e si configura, quindi, come un’operazione prima di tutto culturale, perché i rifiuti vengono considerati una risorsa, beni comuni appunto, e non più semplicemente un problema. Si tratta di una scelta ormai imprescindibile, che potrà concorrere agli obiettivi nazionali e comunitari della strategia Europa 2020.

Nella valutazione delle  proposte, tra i requisiti e finalità richiesti dal Bando, sono stati fondamentali la sperimentazione di formule innovative per la riduzione della produzione di rifiuti e la gestione efficiente dei servizi ambientali lungo tutto il ciclo dei rifiuti e l’impegno da parte delle Amministrazioni comunali ad accompagnare e sostenere le attività previste dai progetti sui territorio, per garantire la piena realizzazione e l’effettiva continuità nel tempo.

Gli interventi prevedono, in generale, la sperimentazione e promozione di buone pratiche (ecopoint, compostatori, riuso di mobili e vestiti, recupero di apparecchiature informatiche, eco design, forme di baratto, promozione di prodotti agroalimentari a Km 0 e acqua pubblica, distribuzione di prodotti alla spina, ecc) con il coinvolgimento attivo della comunità locale (scuole, mense, penitenziari, ecc) e la partecipazione dei cittadini (minori, giovani, donne, immigrati, ecc)

La Fondazione, inoltre, ha siglato un accordo di collaborazione tecnica con il Consorzio Ecodom, il sistema collettivo nazionale che gestisce, senza fini di lucro, il trasporto e il trattamento degli elettrodomestici a fine vita (RAEE, Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), che si è reso disponibile ad accompagnare e sostenere operativamente e gratuitamente i progetti selezionati che prevedono il riuso di RAEE, fornendo loro know-how, assistenza tecnica e supporto operativo sul territorio.

Di seguito l’elenco dei progetti finanziati:

BASILICATA
Nella provincia di Potenza saranno avviati due progetti:  il “CENTRO PER LA SOSTENIBILITÀ” (promosso da Legambiente Basilicata, contributo di 220 mila euro) con l’obiettivo di promuovere scelte di vita più consapevoli attraverso la promozione di buone pratiche (prodotti alla spina, ecopoint – punti di raccolta pre-discarica, baratto, prodotti agroalimentari a Km 0, recupero apparecchiature informatiche e piccoli Raee, ecc) e “WA.RE LAB” (promosso da Cooperativa Santa Teresa, contributo di 90 mila euro) per favorire il riuso degli scarti derivanti da attività produttive e artigianali, anche attraverso la promozione dell’incontro tra domanda e offerta degli scarti stessi.

CALABRIA
Nel cosentino sarà avviato il progetto “COMPOS-TIAMO” (promosso da Cooperativa Eco-Natura, contributo di 120 mila euro) per il  recupero e il riciclo dei rifiuti organici attraverso l’installazione di 2 compostatori, uno presso l'isola ecologica di Rossano a servizio di tutte le mense scolastiche del comune e uno presso la Casa Circondariale di Rossano.

CAMPANIA
In provincia di Benevento saranno avviati due progetti: “SPAZIO ARTET_ECO” (promosso da Associazione Arcarte, contributo di 50 mila euro), un laboratorio di idee per promuovere nuovi oggetti realizzati con materiali riciclati da ragazzi diversamente abili e raccolti nelle scuole. “NON PIÙ LEONIA” (promosso da Associazione Faber, contributo di 140 mila euro) invece prevede l’avvio di un Parco del riuso e della riduzione dei rifiuti, dove beni destinati allo smaltimento potranno essere rigenerati e trovare nuovo mercato.
In Irpinia sarà avviato il progetto “RICICLÒ – RICICLARE CON STILE E GUSTO” (promosso da CIF provinciale Avellino, contributo di 20 mila euro) per la realizzazione di una serie di  azioni sperimentali per la riduzione dei rifiuti derivanti da packaging dei prodotti agroalimentari, da abiti e accessori dismessi, da carta e plastica.

PUGLIA
In provincia di Foggia saranno avviati due progetti: “DA RIFIUTO A RISORSA” (promosso da Cooperativa Emmaus, contributo di 250 mila euro) per l’avvio di un centro di riuso e riciclo di prodotti ingombranti, RAEE e materiali riutilizzabili, all’interno di una masseria e “NELLA PANCIA O NELLA TERRA” (promosso da Aforis, contributo di 225 mila euro), un modello virtuoso di recupero di beni alimentari invenduti che verranno distribuiti alla popolazione meno abbiente o destinati alla produzione energetica.
Nel Salento saranno avviati tre progetti: “ERRE ALLA ENNE [Raccogli, Recupera, Riusa, Ricicla, Ripara, Regala]” (promosso da WWF Salento, contributo di 60 mila euro) con l’obiettivo di ridurre la quantità di rifiuti, attraverso l’installazione di compattatori e il conferimento spontaneo di rifiuti ingombranti nei punti di raccolta, e il successivo riuso commerciale e sociale. “PETALÙ” (promosso da  Coordinamento Associazioni Ambientaliste pro Porto Cesareo, contributo di 120 mila euro) prevede invece la riduzione del conferimento in discarica di plastica e alluminio attraverso l’installazione di punti di raccolta presso alcune scuole e il riuso creativo del materiale raccolto. “LA CASA DELL'ACQUA” (promosso da Cooperativa Imago, contributo di 38 mila euro), come esplicitato nel titolo, sarà un impianto di erogazione di acqua potabile (anche frizzante, in alternativa a quella in bottiglia) con distributore di CO2 e lo sviluppo di un sistema informatico per la gestione dell’erogazione.

SARDEGNA
In provincia di Nuoro saranno avviati quattro progetti: “LOCERI VERSO RIFIUTI ZERO” (promosso da Cooperativa Serena, contributo di 39 mila euro) che prevede interventi per la riduzione del consumo di acqua imbottigliata attraverso l’avvio di una gara verde per la fornitura e l’installazione di un impianto nella piazza del paese e per il riuso di traverse utilizzate dagli anziani. “ECO-OPPORTUNITÀ” (promosso da Consorzio Solco Nuoro, contributo di 160 mila euro) intende sperimentare iniziative finalizzate alla riduzione della produzione dei rifiuti solidi urbani attraverso l’ampliamento dei settori produttivi dell’imprenditoria sociale (eco-compattatori per la plastica e il vetro, avvio di una bottega eco-sostenibile, raccolta della carta, ecc). “ATLANTIDE” (promosso da Cooperativa Lariso, contributo di 230 mila euro)  prevede lo sviluppo di un sistema virtuoso che miri a intercettare beni e prodotti prima che diventino rifiuto, per recuperali e venderli nei mercati dell’usato. Infine “TÈSSERE” (promosso da Cooperativa SchemaLibero, contributo di 180 mila euro) attiverà un processo di raccolta, riuso e riconversione di materiali tessili usati, coinvolgendo donne svantaggiate e non nei laboratori di lavorazione con tecniche tradizionali.

SICILIA
In provincia di Enna sarà avviato il progetto “PIAZZA VERSO RIFIUTI ZERO” (promosso da Circolo Piazzambiente, contributo di 100 mila euro) per la realizzazione di un Ecopunto basato su un modello operativo (già utilizzato in altri territori) gestito attraverso palmari, touchscreen e personal badge a radiofrequenza e la creazione di una piattaforma telematica che consente di barattare e scambiare beni usati, in cambio di “crediti virtuali solidali”.

 

Elenco progetti finanziati (.pdf) >>

Altre News

ROMA - 16 ottobre 2018

Bando “Un passo avanti”

Il quarto bando promosso da Con i Bambini mette a disposzione 70 milioni di euro per il contrasto della povertà educativa minorile.

ROMA - 15 ottobre 2018

Resta connesso CON IL SUD!

Scarica l'app ufficiale della Fondazione CON IL SUD, per accedere a informazioni, contenuti, anticipazioni e servizi offerti dalla Fondazione, in modo semplice attraverso un unico strumento.

ROMA - 10 ottobre 2018

CON IL SUD PRIMA E DOPO. Cambiare con cura

In occasione del suo 12esimo compleanno, la Fondazione CON IL SUD promuove la manifestazione “Con il Sud, Prima e Dopo”. Un viaggio per incontrare alcuni dei progetti più significativi avviati in Calabria.

MESSINA - 1 ottobre 2018

Metamorfosi

Nell'ambito dell'Horcynus Lab Festival, fino al 5 ottobre, le principali reti internazionali dell’economia sociale e della finanza etica incontrano i territori del bacino euro mediterraneo impegnati a sperimentare processi di trasformazione

ROMA - 18 settembre 2018

Brains to South. Cervelli in fuga verso Sud

Nuovo bando per attrarre giovani ricercatori stranieri o italiani nei centri di ricerca e nelle università meridionali. A diposizione da 4 MLN di euro. Scade il 28 novembre.

TARANTO - 11 settembre 2018

La Biennale della Prossimità approda a Taranto

Torna l’appuntamento nazionale dedicato alla Prossimità che racconterà i casi, i progetti, le storie, i prodotti di Prossimità che animano l’Italia e ne costituiscono una delle parti migliori.

ROMA - 10 settembre 2018

Assistenza telefonica

Lunedì 10 settembre l'assistenza telefonica non sarà disponibile.

SALERNO - 31 agosto 2018

La comunità al servizio delle famiglie

Lo straordinario diventa ordinario: un centro di welfare comunitario, che offre servizi per le famiglie e che fa della famiglia stessa il principale strumento di azione. Un luogo aperto e partecipativo, che coinvolge la comunità.

23 agosto 2018

Il bene torna comune – fase finale

13 beni inutilizzati al Sud da valorizzare. Su Ilbenetornacomune.it la possibilità anche di commentare e condividere idee sugli spazi

Appuntamenti

Visualizza: giorno / mese

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK